Quante trasferte attendono papa Francesco!

18 Febbraio 2017 Mondo di Francesco, News

tweet
Credit Osservatore Romano

Credit Osservatore Romano

Come ormai tutti sappiamo, papa Francesco non ama molto viaggiare. Eppure, la vicinanza con i suoi amati fedeli, la sua infinita misericordia, le sue parole spesso pesanti come macigni, la sua presenza fisica che trasmette conforto e pace, gli impongono di visitare Paesi e luoghi sempre più diversi. L’agenda di papa Francesco anche se in continuo aggiornamento, sarà ricca di trasferte anche per il 2017 per essere vicino agli ultimi, ai poveri, ai disadattati. Tra appuntamenti sicuri e quelli allo studio, ecco in queste pagine quali saranno i prossimi impegni del Santo Padre indicando la probabilità della loro realizzazione.

MILANO (25 MARZO) – PROBABILITA’ DEL VIAGGIO: 100%. È la prima visita di papa Francesco nel capoluogo lombardo, che “recupera” quella annunciata per lo scorso maggio e poi annullata. Il programma molto fitto prevede la visita a un quartiere disagiato, l’incontro con i sacerdoti in Duomo (nella foto) con la recita dell’Angelus e la benedizione sul piazzale, l’incontro con i carcerati a San Vittore e la messa nel parco di Monza. Ad accogliere Francesco ci sarà il cardinale Angelo Scola, al suo probabile ultimo impegno ufficiale da arcivescovo. Scola ha dato le dimissioni lo scorso 7 novembre al compimento dei 75 anni per una regola stabilita dallo stesso Papa.

FATIMA, PORTOGALLO (12-13 MAGGIO) – PROBABILITA’ DEL VIAGGIO: 100%. Il 13 maggio è la festa della Madonna di Fatima ed è il centesimo anniversario della prima apparizione della Vergine ai tre pastorelli Giacinta, Francesco e Lucia (nella foto da sinistra). Francesco è il quarto Pontefice a recarsi nel santuario portoghese dopo Paolo VI, Giovanni Paolo II (che ci andò tre volte) e Benedetto XVI.

GENOVA (27 MAGGIO) – PROBABILITà DEL VIAGGIO: 100%. Come Milano, anche Genova è una prima visita per Francesco. Al momento il programma non è stato ancora comunicato ufficialmente. Si parla di un probabile incontro con gli operai delle acciaierie Ilva di Cornigliano, di una visita all’ospedale Gaslini e al santuario della Madonna della Guardia (nella foto). Quasi certa  la messa in piazza della Vittoria, nel centro di Genova.

INDIA E BANGLADESH (FINE NOVEMBRE) – PROBABILITA’ DEL VIAGGIO: 50%. Era stato il primo ministro Modi ad invitare in India il Papa sperando che potesse celebrare la canonizzazione di madre Teresa (nella foto) poi tenutasi in Vaticano il 4 settembre. È quindi probabile che il Pontefice vada a Calcutta per visitare la tomba della Santa. Il viaggio dipende dall’evoluzione delle tensioni con il Pakistan. E sono ancora la guerra e le difficoltà politiche a mettere in forse il desiderio di recarsi anche nel vicino Bangladesh. La sua presenza nei due Paesi sarebbe un forte segno di pace per tutta l’Asia.

COLOMBIA (FINE NOVEMBRE) – PROBABILITA’ DEL VIAGGIO: 40%. Francesco aveva espresso l’intenzione di andare in Colombia già a ottobre e l’ha ribadita lo scorso dicembre ricevendo in udienza il presidente dello Stato sudamericano Juan Manuel Santos e Alvaro Uribe, attuale oppositore. Il Papa potrebbe andare in Colombia in autunno, ma solo se «Sarà blindata la pace» fra lo Stato e le Forze armate rivoluzionarie (Farc). Il viaggio in Colombia potrebbe essere organizzato, sempre a fine novembre, in alternativa a quello in India e Bangladesh.

SUDAN DEL SUD (FINE NOVEMBRE) – PROBABILITA’ DEL VIAGGIO: 30%. Nel Paese più giovane del Mondo (è indipendente dal 2011), da luglio è riesplosa la guerra civile e questo addolora molto papa Francesco. L’intenzione di raggiungere lo Stato africano era stata comunicata dallo stesso Papa a monsignor Loro, arcivescovo di Giuba (la capitale) ricevendolo in Vaticano lo scorso ottobre. Il Papa usò queste parole: «Sentite, io sono con voi, io soffro con voi. Voglio visitare il Sudan del Sud».

di Antonio de Felice

TAG

, , , , ,

VEDI ANCHE