Partita per la pace: il Papa incontra i giocatori

1 Settembre 2014 Foto e video story, Gallery

tweet
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF

In aula Paolo VI, Papa Francesco ha incontrato giocatori, dirigenti, sponsor e organizzatori della Partita Interreligiosa per la Pace che ha tanto sostenuto. 

Il 1° settembre infatti, allo Stadio Olimpico di Roma in palio c’è un vero e proprio trofeo: la pace. La Partita Interreligiosa nata proprio per volere di Papa Francesco non ha solamente un valore simbolico ma anche sociale. Il rettangolo verde riunisce etnie e fedi differenti ma unite per una volta da un obiettivo comune: in nome di un bene superiore come la pace tante culture si trovano a confronto.

L’incasso della serata sarà devoluto in ugual modo al progetto «Un’alternativa per la vita», promosso da «Scholas Occurentes» (l’Ente educativo voluto da papa Bergoglio) e all’Associazione «P.U.P.I. Onlus», fondata dall’ex giocatore e ora vice-presidente dell’Inter Javier Zanetti e da sua moglie Paula.

Tante le stelle del calcio di oggi e di ieri che hanno aderito all’iniziativa  e che si sono ‘buttate’ in campo per giocare insieme: non ci sono vincitori né vinti perché il 1° settembre 2014 vince comunque la pace. In panchina due grandi tecnici come Gerardo «Tata» Martino, neo ct della nazionale Argentina, e Arsene Wenger, allenatore dell’Arsenal. In campo invece nomi come Messi, Simeone, Zidane, Roberto Baggio, Filippo Inzaghi, Ronaldinho, Trezeguet, Pirlo, Buffon, Nesta, lo stesso Zanetti, Etòo, Ledesma, Lavezzi, Maldini, Shevchenko, Podolski, il laziale Mauri, i romanisti Nainggolan e Iturbe.

“Faranno di tutto per partecipare”, ha spiegato Zanetti il giorno prima, “anche Totti e Del Piero“. Stelle e giocatori storici non solo italiani ma  internazionali insieme per una sera per rappresentare culture e religioni diverse come quella buddista, quella cristiana, quella ebraica, l’induista, la musulmana e la shintoista, per dimostrare a tutti che, se si vuole, si può combattere tutti per lo stesso santo obiettivo, quello di una pace duratura e tanto a lungo agognata.

di Alessia Sironi

TAG

, , , , ,