Papa Francesco, l’uomo in più dell’Argentina

13 Luglio 2014 Gallery, Mondo di Francesco

tweet
  • (credits: Getty Images)
  • (credits: Getty Images)
  • (credits: Getty Images)
  • (credits: Getty Images)
  • (credits: Getty Images)
  • (credits: Getty Images)
  • (credits: Getty Images)
  • (credits: Getty Images)
  • (credits: Getty Images)
  • (credits: Getty Images)

Continua a volare l’Argentina ai campionati Mondiali di calcio del Brasile. La squadra del cuore del Papa, infatti, ha raggiunto la finale. E proprio il fatto di avere un così prestigioso supporter è diventato un simpatico tormentone. Il volto di Francesco compare ormai sempre più spesso sulle bandiere e sugli striscioni dei tifosi. Il suo disegno che solleva la Coppa del Mondo è una delle immagini che più di tutte rimarranno tra i futuri ricordi della manifestazione.

Il Pontefice si trasforma quasi in un calciatore e si ritrova al fianco degli idoli sportivi di oggi, come Lionel Messi (il campione più forte dell’Argentina), o di ieri come Diego Armando Maradona: un calciatore sì controverso per il suo comportamento eccessivo dentro e fuori dal campo, ma davvero adorato da tutti gli argentini.

Anche in Molise si è parlato di pallone
Persino durante il viaggio in Molise dello scorso fine settimana ci sono stati due divertenti siparietti legati al calcio. Il primo è avvenuto sabato pomeriggio, quando per via degli impegni Francesco non è riuscito a seguire la partita dei quarti di finale
contro il Belgio: avvicinato così da un giovane con la maglia dell’Argentina è stato costretto a constatare con lui che era troppo tardi e non ce l’avrebbero fatta. Quindi domenica a pranzo ha scherzosamente consolato due preti colombiani per l’eliminazione della loro squadra avvenuta per mano del Brasile dicendogli con una battuta  «Condoglianze». Ma gli italiani cosa dicono? Data la precoce uscita di scena degli azzurri, si sono anche loro schierati come dimostra lo striscione esposto da un gruppo di ragazzi di Campobasso che recitava: «Francé, anche noi tifiamo Argentina».

Gol mancato? È merito del Papa!
Intanto, secondo i tifosi e la stampa, il Pontefice sarebbe anche una sorta di talismano di buona sorte per la formazione argentina. Soprattutto nell’incontro contro la Svizzera agli ottavi di finale (prima di sconfiggere anche il Belgio), la Nazionale biancoceleste è stata letteralmente baciata dalla fortuna. Ai tempi supplementari l’Argentina, infatti, aveva sbloccato il risultato portandosi sull’1 a 0.

All’ultimo minuto, però, i rivali si erano gettati all’attacco sfiorando il pareggio con un colpo di testa del giocatore Blerim Dzemaili che, però, ha colpito il palo. Se avesse segnato, la gara si sarebbe chiusa con un pareggio e avrebbe costretto l’Argentina a confrontarsi ai calci di rigore per riuscire a passare il turno. Invece, grazie a quel palo, la squadra ha vinto. È stato un vero colpo di fortuna, dunque. E così giornali e siti Internet si sono sbizzarriti a creare fotomontaggi in cui Francesco entra in campo per impedire al pallone di entrare in porta. Come un vero campione del mondo!

 

TAG

, , , ,