Papa Francesco indice un Giubileo straordinario

15 Marzo 2015 Foto e video story, Gallery

tweet
  • Getty Images
  • Getty Images
  • Getty Images
  • Getty Images
  • Getty Images
  • Getty Images
  • Getty Images

Papa Francesco ci ha abituati ormai a gesti inconsueti e fuori dalle righe, ma ogni volta restiamo spiazzati di fronte a tanto entusiasmo e tanta forza. E questa volta non è da meno: alla vigilia della Quarta domenica di Quaresima, quando tutti si sono radunati per celebrare la liturgia penitenziale, il Santo Padre – non senza prima aver rivolto ai cristiani l’invito ad accostarsi al Sacramento della Riconciliazione – ha indetto un Giubileo Straordinario.

“Ho pensato spesso a come la Chiesa possa rendere più evidente la sua missione di essere testimone della misericordia”, ha spiegato papa Bergoglio, “È un cammino che inizia con una conversione spirituale; e dobbiamo fare questo cammino. Per questo ho deciso di indire un Giubileo straordinario che abbia al suo centro la misericordia di Dio. Sarà un Anno Santo della Misericordia. Lo vogliamo vivere alla luce della parola del Signore: “Siate misericordiosi come il Padre”. E questo specialmente per i confessori! Tanta misericordia”.

Papa Francesco ha poi sottolineato: “Questo Anno Santo inizierà nella prossima solennità dell’Immacolata Concezione e si concluderà il 20 novembre del 2016, Domenica di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’universo e volto vivo della misericordia del Padre. Affido l’organizzazione di questo Giubileo al Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, perché possa animarlo come una nuova tappa del cammino della Chiesa nella sua missione di portare ad ogni persona il Vangelo della misericordia”.

“Sono convinto che tutta la Chiesa, che ha tanto bisogno di ricevere misericordia, perché siamo peccatori, potrà trovare in questo Giubileo la gioia per riscoprire e rendere feconda la misericordia di Dio, con la quale tutti siamo chiamati a dare consolazione ad ogni uomo e ad ogni donna del nostro tempo. Non dimentichiamo che Dio perdona tutto, e Dio perdona sempre. Non ci stanchiamo di chiedere perdono”, ha concluso il Pontefice.

Ricordiamo inoltre che l’ultimo, straordinario Giubileo, indetto da Giovanni Paolo II, è stato nel 2000.

di Alessia Sironi

TAG

, , , , ,

VEDI ANCHE