Papa Francesco in Kenya: le sue frasi più toccanti

26 Novembre 2015 News

tweet

Viaggio Apostolico in Africa  Nel suo viaggio africano il Papa non ha mancato di suscitare grande attenzione per la profondità e la durezza delle sue parole. Abbiamo raccolto una serie di frasi molto significative pronunciate, per esempio durante la Messa di Nairobi e alle Nazioni Unite.

Francesco ha toccato, come sempre molti temi: da quello della fede al comportamento degli uomini di Chiesa, ma ha parlato anche di politica, di ecologia, di schiavitù, persino della necessità di proteggere gli elefanti, che sono a rischio per il traffico di avorio (uno dei grandi problemi di “traffici“ tipici del mondo africano che il papa ha criticato).

 

Eccovi le frasi più importanti.

 

Seguire Gesù è servire gli altri e non servirsi degli altri.

Quando un sacerdote si dimentica di Cristo crocifisso cade in un peccato che fa vomitare Dio.

Piantare un albero (lo ha fatto nel parco del Centro delleNazioni Unite di Nairobi, in Kenya) ci spinge ad aver fiducia.

Non smettete mai di piangere. Quando a un religioso si seccano le lacrime qualcosa non funziona

Il clima è un bene comune, di tutti e per tutti. L’abuso e la distruzione dell’ambiente sono associati a un inarrestabile processo di esclusione.

L’incontro di Parigi (settimana prossima, argomento: i cambiamenti climatici) porti a un accordo globale basato su principi di solidarietà, giustizia, equità e partecipazione.

L’umanità del 21mo secolo si prenda la responsabilità di mettere l’economia al servizio dei popoli e in armonia con la natura.

Mai rassegnarci a forme estreme di scarto: schiavitù, prostituzione, traffico di persone e di organi.

I bambini devono imparare la cultura della cura, di sé, degli altri e dell’ambiente. E no alla cultura dello scarto.

La rapida urbanizzazione porta spesso a città invivibili e inefficienti, luoghi di violenza e aggressività con narcotraffico e consumo di droghe già per i giovanissimi.

Nelle città bisogna prevedere spazi pubblici che prevedano la partecipazione degli abitanti, per contrastare le disuguaglianze.

La politica ha la priorità di occuparsi delle malattie, come quelle tropicali.

Basta con il traffico di diamanti e di avorio che causa lo sterminio degli elefanti.

 

TAG

, ,