Onlus “Gedama”, in aiuto delle prostitute

22 gennaio 2017 Fare del Bene

tweet

04 Onlus GedamaQueste sono parole di papa Francesco: «Bisogna regalare un sorriso a chi vive e muore per strada, a coloro che non hanno dimora, agli individui più fragili, emarginati e poveri». Le ha pronunciate per concludere l’ultimo Giubileo dedicato alle persone socialmente escluse. Ma a Ponte San Pietro (Bergamo) già dal 2006 don Gianpaolo Carrara porta avanti un progetto che si muove su questo principio.

Don Gianpaolo ha dato vita alla Fondazione Gedama che si occupa di realizzare interventi a favore delle persone che si trovano in condizioni di nuove ed emergenti povertà. In particolare, il sacerdote, suo fratello e una ventina di volontari si prendono cura di persone in situazione di fragilità e a rischio di esclusione sociale, aiutandole a raggiungere la necessaria autonomia personale e a ottenere il rispetto dei diritti fondamentali per la vita e per lo sviluppo armonico della persona. 

Ogni giorno gli operatori della onlus svolgono attività di volontariato di strada sulle rotte più battute della prostituzione bergamasca per dare una mano alle giovani donne perlopiù irregolari, clandestine, prive di ogni tutela. 

Oltre a questa importante missione, la Fondazione Gedama si dedica anche a progetti “singoli”. Per esempio, in questo periodo è impegnata a dare una mano a Einar Carrara. Considerato una giovane promessa dello sci di fondo, biathlon e skiroll, Einar ha smesso di praticare sport dal 10 dicembre 2014 quando venne colpito da un pesante albero nel bosco di Laxolo dove lavorava come giardiniere e boscaiolo.

Da quel momento il giovane, originario della Valle Seriana (Bergamo), trascorre i suoi giorni tra interventi e ricoveri negli ospedali. Le spese per le cure nei centri specializzati di Brescia, Mozzo, San Pellegrino e Lione (Hospital Henry Gabrielle Sain-Genis-Laval) sono elevate e oggi la sua famiglia ha bisogno di un aiuto finanziario per ridare la speranza al ragazzo che ha un unico obiettivo: lasciare la carrozzella e rimettersi in piedi.

Un incidente sul lavoro ha frenato i sogni di questo ragazzo ma la Fondazione, attraverso una raccolta fondi, è pronta a sostenerlo per tentare una nuova forma di riabilitazione nell’ospedale francese. La gara di solidarietà è già partita e su Facebook è aperta la pagina “Aiutiamo Einar Carrara” per condividere il progetto.

FONDAZIONE GEDAMA onlus

Via Dante 12, 24017 Serina (Bergamo)

Tel. 035/4156699

E-mail: info@fondazionegedamaonlus.org

Sito web: fondazionegedamaonlus.org

Iban: IT 30P 03359 01600 100000146012

codice fiscale: 94019560161

di Antonella Silvestri

TAG

, ,