Ognissanti, Francesco celebra la messa al Verano

tweet
Il Santo Padre durante l’omelia, che è stata pronunciata tutta a braccio, con momenti di grande emozione (credits: Getty Images)

Il Santo Padre durante l’omelia, che è stata pronunciata tutta a braccio, con momenti di grande emozione (credits: Getty Images)

Una messa speciale in un luogo particolare e suggestivo: papa Francesco celebra la festa di Ognissanti e commemora i defunti presiedendo la messa tra le tombe del cimitero del Verano di Roma. Anche qui e oggi la gente è davvero molto numerosa: l’aspetta un’omelia fortissima, che il Santo Padre pronuncia tutta a braccio e fa piombare i fedeli in un silenzio doloroso. Il Papa prende di mira i «distruttori », quelli che si credono Dio e perciò distruggono il mondo facendo vittime tra i poveri, i profughi, i malati.

Le parole di Francesco muovono dalla prima lettura del giorno, tratta dal libro dell’Apocalisse, l’ultimo della Bibbia, là dove l’angelo grida a gran voce agli altri quattro angeli – ai quali era stato concesso di distruggere tutto – “Non devastate la Terra né il Mare né le piante”… «A me è venuto in mente che noi uomini siamo capaci di devastare la Terra meglio degli angeli», dice il Papa rattristato. «Lo stiamo facendo: devastare il Creato, la vita, le culture, i valori, devastare la speranza… Quanto bisogno abbiamo della forza del Signore perché ci sigilli con il suo amore per fermare questa pazza volontà di distruzione».

L’uomo si crede dio, si crede re, e distrugge
Eppure tutte le cose belle che stiamo distruggendo, prosegue il Papa, ce le ha date Dio «perché le portassimo avanti, le facessimo crescere per dare frutti». Ma l’uomo non ne è capace, lascia capire Francesco, che chiarisce il suo pensiero evocando un episodio che gli è appena accaduto. «In sagrestia guardavo le fotografie di 71 anni fa (fa riferimento al bombardamento del Verano del 19 luglio 1943, ndr) e ho pensato: “Questo è stato tanto grave, tanto doloroso… Questo è niente in confronto a quello che accade oggi”. L’uomo si impadronisce di tutto, si crede Dio, si crede il Re. E le guerre continuano, non precisamente per seminare il grano della vita, ma per distruggere. È l’industria della distruzione. È un sistema – anche di vita – che quando le cose non si possono sistemare, si scartano: si scartano i bambini, gli anziani, i giovani senza lavoro…».

E poi, bruscamente, il Papa propone un’altra immagine forte dalla stessa lettura dall’Apocalisse: quella della «moltitudine immensa che nessuno poteva contare». Sono popoli interi sofferenti, perché «il “dio-uomo” si è impadronito del Creato, di tutto quel bello che Dio ha fatto per noi… Ma chi paga la festa? Loro! I piccoli, i poveri, quelli finiti in scarto». Sembra quasi che questa gente non conti niente, dice amaro il Papa, e invece «è davanti a Dio e chiede: per favore, salvezza! Pace! Pane! Lavoro! Figli e nonni! Giovani con la dignità di poter lavorare!… Oggi, nel giorno di Tutti i Santi, vorrei che pensassimo a tutti questi, i santi sconosciuti. Peccatori come noi, peggio di noi, ma distrutti», e tuttavia santificati dal Signore attraverso questa «tribolazione».

Alla fine resta solo la speranza di Dio
Dopo l’immagine della devastazione e quella delle vittime, il Papa si sofferma su una terza immagine: Dio come speranza di cambiamento, di conversione, di pietà del suo popolo, persino dei distruttori. E vedere Dio come questa speranza è ciò che fa andare avanti la santità della Chiesa anche con noi «che vedremo Dio come è». Ma quale deve essere il nostro atteggiamento se vogliamo entrare in questo popolo e camminare verso il Padre? Dobbiamo avere l’atteggiamento delle Beatitudini che conosciamo dal Vangelo di Matteo. «Solo quel cammino ci porterà all’incontro con Dio, ci salverà dalla devastazione di tutto». Soffriremo, ma avremo la speranza di diventare santi, nell’incontro definitivo con Lui”.

Quanti grandi d’Italia oggi riposano al Verano:

Vittorio Gassmann (1922-2000) – Sulla lapide c’è la scritta “Attore, non fu mai impallato”, cioè non fu mai “coperto” da alcuno di fronte alla telecamera. Il cognome ha due N, com’era in origine.

Aldo Fabrizi (1905-1990) – Una tomba imponente per un mito dello spettacolo romano.

(credits: Getty Images)

(credits: Getty Images)

Giulio Andreotti (1919-2013) – Sette volte presidente del Consiglio, 45 anni membro del Governo, è stato uno dei più votati e discussi leader della Democrazia Cristiana.

 

 

 

 

 

(credits: Getty Images)

(credits: Getty Images)

Vittorio De Sica 1901-1974) – L’attore e regista, vincitore di ben quattro premi Oscar, riposa nella tomba di famiglia.

 

 

 

 

 

Raimondo Vianello (1922-2010) L’amatissimo uomo di spettacolo è nella tomba di famiglia; la moglie Sandra Mondaini, invece, è sepolta a Lambrate (Milano) con i genitori.

(credits: Getty Images)

(credits: Getty Images)

Alberto Sordi (1920-2003) – Sulla sua tomba una lapide con la battuta “Sor Marchese è l’ora” dal film “Il Marchese del Grillo”.

 

 

 

 

 

Giuseppe Ungaretti (1888-1970) – Il poeta di “M’illumino d’immenso” condivide la tomba con la moglie.

Goffredo Mameli – (1827-1849) Il patriota, autore delle parole del “Canto degli Italiani”, l’inno d’Italia, è ricordato da una  tomba monumentale, nei pressi dell’ingresso pedonale.

 

TAG

, , , , ,

VEDI ANCHE