La semplicità di Francesco

14 Ottobre 2015 In Edicola, News

tweet

MP42 cover

Cari lettori, questa settimana continuiamo con la (piccola) tradizione di Il mio Papa, che è quella, come sapete, di raccontarvi Francesco in tutti i suoi aspetti. Quindi troverete tutti i momenti più importanti del Sinodo, coi dibattiti in corso sulla famiglia e sul ruolo della Chiesa (decisioni che poi avranno una ricaduta pratica nelle nostre vite di tutti i giorni). Ma troverete anche il Francesco che solo questo giornale racconta, con grande rispetto e con simpatia. Eccolo dunque camminare in Vaticano in compagnia del suo amico cardinale Oscar Maradiaga e, poiché piove, coprirsi con un ombrello nero da pochi euro, come succede a ciascuno di noi (eravamo abituati a papi che si facevano accompagnare da aiutanti “portaombrelli” e questo succede ancora coi politici…). Ed eccolo anche durante le pause dei dibattiti del Sinodo, mentre fa uno spuntino con i vescovi e si gode qualche momento di relax. Quando dicono che Francesco è “come noi”, dicono una cosa sbagliata: Francesco è una persona speciale, una figura che resterà nella Storia per tante ragioni. È vero invece che “si comporta come uno di noi” e questo aspetto ce lo fa sentire sempre più vicino. Sebbene sia un Grande della Terra e stia, poco a poco, cambiando il mondo.

Buona lettura

di Aldo Vitali

Il direttore de Il Mio Papa Aldo Vitali

Il direttore de Il Mio Papa Aldo Vitali

TAG

,

VEDI ANCHE