La lotteria del Vaticano è dedicata ai poveri

29 Dicembre 2015 News

tweet
Papa Francesco Visita il dormitorio per i senzatetto Credit: Osservatore Romano

Papa Francesco Visita il dormitorio per i senzatetto
Credit: Osservatore Romano

Un gesto piccolo ma concreto per far circolare e condividere l’amore ricevuto. Monsignor Diego Ravelli, capoufficio dell’Elemosineria Apostolica, racconta così lo spirito della terza edizione della Lotteria di beneficenza per le opere di carità del Santo Padre. Un’iniziativa a favore di profughi e senzatetto, come espressamente indicato da Papa Francesco, che si rinnova in prossimità delle Feste. «Tutti conoscono l’attenzione che il Papa riserva a queste persone in difficoltà» recita un comunicato del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano che organizza la Lotteria, anche se i proventi vengono poi sono destinati all’Elemosineria, l’ufficio della carità del Pontefice. 

Il biglietto costa 10 euro ed è in vendita in Vaticano nella Farmacia, alle Poste, negli Spacci Annonari del Magazzino “Stazione”, nei punti vendita dell’Ufficio Filatelico e Numismatico, nei Bookshop dei Musei Vaticani e nel Palazzo del Governatorato. C’è tempo fino al 2 febbraio 2016, quando nella sede del Governatorato, davanti a una apposita Commissione che ne garantirà la correttezza,  si procederà all’estrazione dei tagliandi vincenti. «In un momento di crisi, non solo economica ma soprattutto del cuore e dello spirito» spiega monsignor Ravelli «questa iniziativa diventa un’occasione propizia per scambiarsi un dono simbolico, ma insieme reale, di solidarietà. Alla possibilità di vincere un premio, che è un dono del Papa, a sua volta ricevuto e ridonato, si unisce la certezza di un premio più prezioso e sicuramente vinto: la gioia di aver condiviso un po’ d’amore».

Tra i premi in palio ce ne sono di importanti. Il più ricco è un’auto, una Lancia Ypsilon color argento; a seguire c’è un orologio Rolex, ma anche un tandem di color bianco, poi una caffettiera elettrica. Non mancano penne, tappeti e un centrotavola in ceramica di Caltagirone dipinto a mano. In totale, i premi sono più di una quarantina e vanno ritirati entro 30 giorni dall’estrazione. Sul sito www.vaticanstate.va  saranno pubblicati i numeri dei tagliandi vincenti, ma anche nei punti vendita si potrà scoprire se la fortuna ha baciato i generosi. «Un piccolo, ma concreto gesto di carità» aggiunge monsignor Ravelli. «C’è, infatti, più carità in una goccia di bontà che in un mare di chiacchiere e di buone intenzioni».

Benedetta Capelli

Schermata 2015-12-29 a 15.38.41

TAG

, , ,

VEDI ANCHE