La felicità del Santo Padre tra i piccoli del “Bambino Gesù”

21 Novembre 2019 News

tweet

Credit Osservatore Romano

Selfie, sorrisi e soprattutto qualche ora lontano dall’ospedale anche se molti hanno dovuto comunque indossare la mascherina. Erano circa 250 i bambini che, sabato 16 novembre, hanno incontrato papa Francesco in Aula Paolo VI, nell’udienza che il Pontefice ha riservato alla comunità dell’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù” di Roma. L’occasione era la celebrazione dei 150 anni dalla fondazione. Con i piccoli pazienti c’erano i loro familiari, i medici, gli infermieri: tutta la comunità del Bambino Gesù, insomma, guidata dalla presidente Mariella Enoc.

È stato un incontro toccante, come sempre quando protagonisti sono i bambini che soffrono. E come ha sottolineato lo stesso Francesco: «Mi viene in mente quella domanda, a cui è difficile trovare risposta, del grande Dostoevskij: “Perché soffrono i bambini?”. Non c’è risposta: soltanto il servizio al bambino sofferente e lo sguardo al Padre di tutti, perché faccia qualcosa».

All’inizio del suo discorso, il Papa ha ricordato la nascita dell’ospedale («Intuizione di una donna e di una mamma di grande intelligenza, cultura e fede, Arabella Salviati») e ha ricordato a tutti coloro che lavorano al Bambino Gesù quale deve essere il motore della loro attività: «L’autorità morale dei bambini malati e sofferenti è l’identità più vera dell’Ospedale “Bambino Gesù”. Questa consapevolezza sia il motore del vostro agire insieme, concordemente e con spirito comunitario, superando ostacoli e divergenze. Possiamo dire, un po’ semplicisticamente, che sono loro che comandano: sono i bambini a comandare i nostri lavori, i nostri pensieri, le nostre ricerche, le nostre azioni». Anche perché sono loro il nostro futuro, come dice il messaggio scelto dal “Bambino Gesù” per l’anniversario: “Il futuro è una storia di bambini”. Francesco ha commentato: «Stando con i bambini impariamo a frequentare il futuro. Ci vuole coraggio per frequentare il futuro». Il Santo Padre ha chiuso il suo discorso con le parole di Gesù: «Vi sono grato specialmente perché aiutate i piccoli malati a sentire accanto a sé la presenza tenera e rassicurante di Gesù. E non dimentichiamo le sue parole: “Tutto quello che avere fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”».

Alla fine dell’incontro Francesco ha ricevuto dai bambini tre doni: una stola sacerdotale decorata con i disegni dei piccoli della ludoteca  (la sala giochi) dell’ospedale che si sono ispirati ai temi della salvaguardia del Creato; il fumetto Un ospedale per papa Francesco che ripercorre la vicenda del Complesso Pediatrico voluto da Bergoglio a Bangui, in Centrafrica, e un libro dal titolo Vite che aiutano la vita sulle diverse figure professionali che lavorano al Bambino Gesù. Molto felice la presidente Enoc: «Ringrazio papa Francesco perché non ci fa mai mancare il suo sostegno. Il ricordo più bello dell’udienza sono gli abbracci spontanei che ha scambiato con i piccoli pazienti: è un abbraccio in cui si sente avvolto tutto l’ospedale. E vorrei idealmente condividere con i medici e gli infermieri la benedizione che il Papa ha rivolto alle mani che curano».

BAMBINO GESU’, IL PRIMO OSPEDALE PEDIATRICO D’ITALIA

Il “Bambino Gesù” di Roma è nato nel 1869 come primo ospedale pediatrico italiano, grazie alla generosità dei duchi Arabella e Scipione Salviati, e nel 1924 è stato donato alla Santa Sede. Il primo Pontefice a visitarlo è stato Giovanni XXIII, il giorno di Natale del 1958 (foto sopra). Dopo di lui, tutti i suoi successori si sono recati in visita ai piccoli pazienti dell’ospedale che oggi conta quattro sedi: quella storica del Gianicolo più quelle di San Paolo (sempre a Roma), Palidoro e Santa Marinella. Paolo VI vi si è recato il 1° gennaio 1968, Giovanni Paolo II il 7 gennaio 1979 e Benedetto XVI il 30 settembre 2005. Papa Francesco è andato per la prima volta nella sede del Gianicolo il 21 dicembre 2013, a meno di un anno dall’inizio del suo pontificato mentre il gennaio dello scorso anno è andato nella sede di Palidoro.

di Tiziana Lupi

TAG

, , , ,