“La Quaresima è tempo di conversione”

9 marzo 2014 Parole e pensieri

tweet
Papa Bergoglio parla al cuore delle persone. (Credits: Getty Images)

Papa Bergoglio parla al cuore delle persone. (Credits: Getty Images)

Il Vangelo della prima domenica di Quaresima presenta le tentazioni di Gesù, quando lo Spirito Santo, sceso su di Lui dopo il battesimo nel Giordano, lo spinse ad affrontare apertamente Satana nel deserto, per quaranta giorni, prima di iniziare la sua missione pubblica.

“Il tentatore cerca di distogliere Gesù dal progetto del Padre”, spiega Papa Francesco, “il duello tra Gesù e Satana avviene a colpi di citazioni della Sacra Scrittura e il diavolo per distogliere Gesù dalla via della croce, gli fa presenti le false speranze messianiche: il benessere economico, indicato dalla possibilità di trasformare le pietre in pane; lo stile spettacolare e miracolistico, con l’idea di buttarsi giù dal punto più alto del tempio di Gerusalemme e farsi salvare dagli angeli; e infine la scorciatoia del potere e del dominio, in cambio di un atto di adorazione a Satana. Sono i tre gruppi di tentazioni: anche noi li conosciamo bene”, continua ancora il Santo Padre.

Papa Francesco cerca di spiegare ai fedeli raccolti in piazza San Pietro che Gesù respinge tutte tentazioni e ribadisce la volontà di seguire la via dal Padre, di non scendere a compromessi con il diavolo tentatore come invece aveva fatto Eva. Il Papa fa poi riferimento ad alcuni passaggi delle Sacre Scritture: “Ricorda inoltre che sta scritto anche: ‘Non metterai alla prova il Signore Dio tuo’, perché la strada della fede passa anche attraverso il buio, il dubbio, e si nutre di pazienza e di attesa perseverante. Gesù ricorda infine che sta scritto: ‘Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto’, ossia, dobbiamo disfarci degli idoli, delle cose vane, e costruire la nostra vita sull’essenziale”.

“Cari fratelli”, conclude Papa Francesco, “il tempo della Quaresima è occasione propizia per tutti noi per compiere un cammino di conversione, confrontandoci sinceramente con questa pagina del Vangelo”.

TAG

, , , , , ,