Il Papa ringrazia i Missionari Comboniani

2 Ottobre 2015 News, Parole e pensieri

tweet
Missionari Comboniani del Cuore di Gesù dal Papa. Credits: Osservatore romano

Missionari Comboniani del Cuore di Gesù dal Papa. Credits: Osservatore romano

Il Papa ha incontrato i Missionari Comboniani, cioè fra i più attivi missionari che aiutano le popolazioni africane in difficoltà.

Li ha ringraziati “per il generoso servizio al Vangelo”. Li ha chiamati “servitori e messaggeri del Vangelo, specialmente per coloro che non lo conoscono o lo hanno dimenticato”.

“Il missionario – dice il Papa – si fa servitore del Dio-che-parla, che vuole parlare agli uomini e alle donne di oggi, come Gesù parlava a quelli del suo tempo, e conquistava il cuore della gente che veniva ad ascoltarlo da ogni parte” dice Francesco citando il Vangelo di Marco.

E prosegue: “Questa relazione della missione ad gentes con la Parola di Dio non si colloca tanto nell’ordine del «fare» quanto dell’«essere». La missione, per essere autentica, deve riferirsi e porre al centro la grazia di Cristo che scaturisce dalla Croce”.

Il Papa si è mostrato molto riconoscente per il lavoro effettuato dai Missionari: «In quanto Comboniani del Cuore di Gesù,  voi contribuite con gioia alla missione della Chiesa, testimoniando il carisma di san Daniele Comboni, che trova un punto qualificante nell’amore misericordioso del Cuore di Cristo per gli uomini indifesi. Quel Cuore che ha tanto amato gli uomini vi spinge alle periferie della società per testimoniare la perseveranza dell’amore paziente e fedele. Dalla contemplazione del Cuore ferito di Gesù si possa sempre rinnovare in voi la passione per gli uomini del nostro tempo, che si esprime con amore gratuito nell’impegno di solidarietà, specialmente verso i più deboli e disagiati. Così potrete continuare a promuovere la giustizia e la pace, il rispetto e la dignità di ogni persona».

E ha concluso: “Prima di impartire la benedizione, vorrei dire una cosa che non è scritta qui, ma è una cosa che sento: io sempre, sempre, ho avuto una grande ammirazione per voi, per il lavoro che fate, per i rischi che affrontate… Ho sentito sempre questa ammirazione grande. Grazie”.

Sul prossimo numero di “Il mio Papa”, in edicola mercoledì 7 ottobre, speciale sulla vita di San Daniele Comboni (che si festeggia il 10 ottobre).

TAG

, ,

VEDI ANCHE