Il Catechismo? Ora seguitelo anche sul telefonino

3 Luglio 2019 News

tweet

Credit Osservatore Romano

Qualche tempo fa nel suo libro La mia idea di arte papa Francesco ha scritto: «Nel Medioevo il catechismo era nelle sculture di pietra, la gente non sapeva leggere ma osservava le sculture e imparava».

Da allora sono passati secoli eppure la forza delle immagini è rimasta la stessa. Tanto che, a 27 anni dall’uscita del testo ufficiale del Catechismo della Chiesa Cattolica, nato sotto il pontificato di Giovanni Paolo II con l’importante contributo dell’allora prefetto della Congregazione per la Dottrina delle Fede, cardinale Joseph Ratzinger, il catechismo è tornato a essere spiegato attraverso le immagini, ma in “versione anni Duemila”: è diventato Videocatechismo della Chiesa Cattolica.

È un’opera monumentale, il cui progetto ha preso il via nel giugno 2013, tre mesi dopo l’elezione di papa Francesco. Non avrebbe potuto essere altrimenti, visto che il Catechismo è una raccolta di ben 2.865 enunciati (in pratica dei mini-capitoli) in cui vengono affrontati tutti i temi legati alla fede e alla Chiesa.

Questi enunciati sono diventati un film che dura 25 ore, diviso in 46 episodi raggruppati in quattro parti: La professione della fede (illustra i primi 1.065 enunciati); La celebrazione del mistero cristiano (enunciati dal 1066 al 1690); La vita in Cristo (enunciati dal 1691 al 2557); e La preghiera nella vita cristiana.

Il progetto del Videocatechismo è nato da un’idea di don Giuseppe Costa, già direttore della Libreria Editrice Vaticana, e dal regista kosovaro Gjon Kolndrekaj che ha girato il film (per la società CrossinMedia) con la tecnologia 4K che produce immagini con la miglior definizione possibile. La consulenza artistica è stata affidata a Giulio Rapetti Mogol.

Insomma, è un kolossal senza precedenti nella storia della produzione cinematografica.

Per realizzarlo sono serviti cinque anni, il lavoro di 60mila persone e riprese fatte in 16mila posti nei cinque Continenti. Nel film il Catechismo viene letto integralmente e in maniera continua da più di tremila lettori (in 37 lingue originali) di 70 nazionalità diverse; ci sono anche brani di fiction per illustrare episodi del Vecchio e del Nuovo Testamento interpretati da 2.600 attori. 

Dopo una anteprima presentata lo scorso ottobre, lunedì 24 giugno il Videocatechismo della Chiesa Cattolica (che ha il patrocinio del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione) è stato presentato ufficialmente, nella sua interezza, nella Filmoteca Vaticana, l’archivio cinematografico vaticano.

Ha detto Paolo Ruffini, prefetto del Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede: «Questa è un’opera significativa in un mondo che le parole le sciupa e non si prende mai il tempo per meditarle e ascoltarle»

Il Videocatechismo è disponibile in diversi formati: cofanetto libro più video (con allegati Cd e chiavetta USB), cofanetto dvd con fascicolo, app per pc, iPad e smartphone.

di Tiziana Lupi

TAG

, , ,

VEDI ANCHE