Il camper per i poveri di papa Francesco

27 ottobre 2016 Mondo di Francesco, News

tweet

 

Credit Osservatore Romano

Credit Osservatore Romano

Adesso è parcheggiato all’interno delle mura vaticane in attesa di destinazione, ma per un po’ ha sostato in via della Conciliazione suscitando curiosità di turisti e passanti. Si tratta del camper  modello M 725 GLT, bianco, 150 cavalli, allestito su base Fiat dall’Arca (marca nota nel settore), che l’Associazione camperisti italiani ha voluto donare al Papa. L’idea è semplice, ma è pensata col cuore di Francesco che infatti l’ha apprezzata moltissimo: poter regalare alle famiglie indigenti e con disabili a carico una possibilità di vacanza, svago e riposo che altrimenti, visti i prezzi proibitivi di oggi, non potrebbero permettersi.  Il camper ha 5 posti letto ed è attrezzato anche per adulti e bambini non autosufficienti che in questo modo potranno girare l’Italia e l’estero e incontrare persone, vedere cose senza dover per forza ricorrere a strutture e servizi costosi.

Il Papa è rimasto a bocca aperta quando glielo hanno mostrato sotto l’Arco delle Campane poco prima dell’udienza giubilare di sabato. Bergoglio lo ha osservato da fuori, lo ha benedetto e  poi è salito anche a bordo, constatando davvero la comodità del mezzo.

Ha talmente gradito questo dono che alla fine della catechesi ha ringraziato pubblicamente i camperisti, giunti in 5mila in Vaticano per celebrare il loro giubileo. A muovere gli amanti del turismo all’aria aperta è stata l’enciclica papale Laudato si’. «Il documento del Papa parla di rispetto dell’ambiente, di qualità della vita, di rispetto dei territori e delle tipicità. Tutti valori che ci appartengono profondamente. E poi un camperista è sempre un pellegrino, uno che viaggia, che cammina anche alla ricerca di Dio», ha  sottolineato Raffaele Jannucci, direttore editoriale di PleinAir, la rivista di riferimento nel mondo dei camperisti.

Di questa iniziativa era stato informato anche monsignor Rino Fisichella presidente del Pontificio Consiglio per la nuova Evangelizzazione  che al momento della consegna del dono ha detto ai camperisti: «È significativo che il regalo che desiderate consegnare al Santo Padre sia proprio il mezzo con il quale riuscite a percorrere la vostra libertà spirituale e culturale».  Ora spetterà alla diocesi di Roma individuare di volta in volta famiglie “bisognose di vacanze” a cui affidare il mezzo.

Sempre prima dell’udienza giubilare, il Santo Padre ha avuto la possibilità di benedire un altro veicolo assai particolare. Si tratta di un coloratissimo taxi, dipinto con alcuni disegni dei supereroi dall’artista Karin Engman. Lo guida Caterina Bellandi, per tutti “zia Caterina” che lo ha portato in mostra al Papa. Con il suo buffo cappello e quel mantello fucsia, dal 2002 si occupa del trasporto dei bambini malati all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze. E proprio per farli sentire più a loro agio ha allestito così il suo taxi, chiamato “Milano 25” che sembra immerso nel mondo delle favole.

di Cecilia Seppia

TAG

, , ,