I doni al Papa? Vanno in beneficenza

9 Dicembre 2016 Parole e pensieri

tweet

Per antica tradizione, i Pontefici non tengono per sé i regali che ricevono: al termine delle visite, li assegnano a un apposito ufficio della Santa Sede, la Floreria Apostolica Vaticana. E di regali Francesco ne riceve davvero tanti. Non c’è incontro senza uno scambio di doni e non c’è udienza generale senza che la papamobile non si riempia di cose che i fedeli hanno voluto dare al Papa.

Tra i regali che arrivano dalla gente c’è di  tutto: dai quadri alle statue, dalle torte ai biscotti, dai fiori ai libri. Poi ci sono i rosari, le papaline, i crocefissi. Per regalare qualcosa al Papa, poi, non occorre neanche consegnarla personalmente. Ogni giorno infatti da tutto il mondo arrivano in Vaticano pacchi e pacchetti indirizzati al Pontefice con tutto quello che potete immaginare: dalle macchine per il caffè alle coperte, dai vestiti agli apparecchi elettronici, dai corredini per i bimbi ai merletti fatti a mano. 

La generosità della gente non ha limiti. Come del resto quella di Francesco che, come detto, non tiene nulla per sé. I doni deperibili come il cibo vanno alle mense di Roma che danno da mangiare ai poveri della città. Altri vengono messi all’asta per beneficenza come l’iPad speciale con il simbolo del suo pontificato. Altri ancora vanno a costituire il montepremi della lotteria benefica istituita tre anni fa da Francesco che quest’anno vede in palio una quarantina di regali.

  • DOLCE CARRETTO. Un omaggio dei pasticceri di Agrigento. Credii Osservatore Romano
  • Credit Getty Images
  • WHISKY. La regina Elisabetta, in visita con il consorte principe Filippo di Edimburgo, ha portato al Papa un cesto con prodotti tipicamente inglesi, tra cui una bottiglia di whisky invecchiato. Credit Getty Images
  • MODELLINO. Mark Zuckerberg, il fondatore e proprietario di Facebook, ha regalato al Papa un modellino di “Aquila”, l’aereo a energia solare progettato dalla sua azienda. Credit Osservatore Romano.
  • LIBRO D'ARTE. Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha regalato al Pontefice un raffinato libro che presenta le opere di un maestro persiano di miniature, Mahmoud Farshchian. Credit Getty Images
  • TROLLEY. L’amministratore delegato di Vodafone Vittorio Colao ha donato una “valigia elettronica”: si collega a internet e offre contenuti educativi per insegnare nei campi per rifugiati in Africa. Credit Osservatore Romano
  • BICICLETTA. Le Poste Italiane, guidate da Francesco Caio, hanno donato al Papa la nuova bicicletta che sarà usata dai portalettere nel nostro Paese. La pedalata è assistita da un piccolo motore elettrico. Credit Osservatore Romano