Francesco: “Il Sinodo ascolti le angosce degli uomini”

4 Ottobre 2014 Foto e video story, Gallery

tweet
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF
  • Credits: AGF

In una piazza San Pietro gremita e illuminata solo dalle piccole e flebili fiaccole dei fedeli accorsi, si svolge la veglia di preghiera in occasione del Sinodo sulla famiglia. Papa Francesco di fronte a 80 mila persone ha voluto lanciare un messaggio forte :“Per ricercare ciò che oggi il Signore chiede alla Sua Chiesa, dobbiamo prestare orecchio ai battiti di questo tempo e percepire l’odore degli uomini d’oggi, fino a restare impregnati delle loro gioie e speranze, delle loro tristezze e angosce. A quel punto sapremo proporre con credibilità la buona notizia sulla famiglia”.

La veglia, iniziata alle ore 18 e voluta dalla Cei (è stata infatti introdotta dal suo presidente, il cardinal Angelo Bagnasco), è stata l’occasione per papa Bergoglio per affrontare apertamente il tema di tutte quelle decisioni importanti che saranno prese sulla pastorale familiare: “Accanto all’ascolto invochiamo la disponibilità a un confronto sincero, aperto e fraterno, che ci porti a farci carico con responsabilità pastorale degli interrogativi che questo cambiamento d’epoca porta con se. Lasciamo che si riversino nel nostro cuore, senza mai perdere la pace, ma con la serena fiducia che a suo tempo non mancherà il Signore di ricondurre a unità”. La storia della Chiesa, ha domandato in modo retorico ai fedeli il Santo Padre, “non ci racconta forse di tante situazioni analoghe, che i nostri padri hanno saputo superare con ostinata pazienza e creatività?”.

di Alessia Sironi

TAG

, , , , ,

VEDI ANCHE