Il Papa incontra la fedele che lo aveva strattonato in piazza San Pietro

12 Febbraio 2020 News

tweet

Credit Osservatore Romano

fedeli tra voi più attenti avranno notato che la mattina dell’Angelus del Primo dell’anno, papa Francesco aveva la voce rotta. «Mi dispiace di aver perso la pazienza dando il cattivo esempio», aveva detto nel primo discorso del 2020 riferendosi a quanto avvenuto la sera prima. Ricordate? Il 31 dicembre, dopo aver celebrato il Te Deum, il Papa si era recato a piedi in piazza San Pietro per vistare il presepe e incontrare la folla di pellegrini. Un saluto, un incontro ravvicinato nel periodo solenne delle celebrazioni natalizie, l’occasione di un intenso abbraccio con i fedeli per uno scambio ideale di auguri. Questa era l’intenzione. Ma in quella uscita le cose sono andate diversamente. Una donna asiatica (di Hong Kong) lo aveva strattonato da oltre le transenne per dargli la mano e chiedergli una benedizione. Un gesto aggressivo, forse giustificato dal fatto che da ore stava pigiata tra la folla e che ha scatenato una brusca reazione dello stesso Papa, a cui lo strattonamento ha provocato dolore alla schiena per via della sciatica che lo tormenta da anni. Francesco le aveva così dato uno schiaffetto sulla mano come a dire di lasciargliela e poi con uno sguardo di cenere si era voltato, andandosene. Ma la sua reazione aveva rattristato lui stesso. Anche la sera, rientrando a Santa Marta era dispiaciuto. Così l’indomani mattina si è scusato pubblicamente all’Angelus.

Nei giorni successivi però il suo cruccio non si scioglieva e voleva parlare, conoscere quella donna che lo voleva avvicinare. Così, ha fatto in modo che si rintracciasse la fedele e la si accompagnasse all’udienza generale del mercoledì successivo (l’8 gennaio scorso), dove infine si è potuto riappacificare direttamente con lei. La foto che vedete a sinistra documenta il momento in cui, al cosiddetto baciamano, nell’Aula Paolo VI, la donna viene invitata a raggiungere Francesco e a scambiare qualche parola con lui. Un momento di dialogo a tu per tu che si è sciolto in un sorriso e infine in una cordiale stretta di mano. L’incontro è passato per un certo tempo inosservato anche perché proprio il Vaticano non ha voluto dare risalto al breve colloquio per non esporre la fedele più di quanto non fosse già avvenuto per via del tam tam con cui è rimbalzata qua e là nel mondo la sequenza del 31 dicembre, quella dell’episodio sfortunato.

In Aula Paolo VI la donna era accompagnata dal parroco con cui è venuta in pellegrinaggio in Italia e da alcune amiche pellegrine che erano presenti anche all’incontro riparatore. Secondo quanto è trapelato, di tutta questa vicenda il Papa stesso ha parlato con un amico sacerdote, perché l’accaduto lo aveva molto scosso e tormentato. Apparire come un Papa e soprattutto come un padre violento con le donne sarebbe stato un po’ il colmo per uno come lui che alle donne è vicino, le incoraggia ed è molto partecipe delle loro sofferenze. Con un gesto di riconciliazione, Francesco ha invece dimostrato qual è la sua vera considerazione per il genere femminile.

TAG

, , , ,