Francesco all’Angelus ricorda le parole di Gesù: “Io sono la vite, voi i tralci”

tweet
Getty Images

Getty Images

Papa Francesco durante l’Angelus di questa domenica ricorda il Vangelo della V domenica di Quaresima che presenta Gesù durante l’Ultima Cena, nel momento in cui sa che la morte è ormai vicina: “Per l’ultima volta Egli sta con i suoi discepoli, e allora vuole imprimere bene nella loro mente una verità fondamentale: anche quando Lui non sarà più fisicamente in mezzo a loro, essi potranno restare ancora uniti a Lui in un modo nuovo, e così portare molto frutto. Tutti possiamo essere uniti a Gesù in un modo nuovo. Se al contrario uno perdesse questa unione con Lui, questa comunione con Lui, diventerebbe sterile, anzi, dannoso per la comunità. E per esprimere questa realtà, questo modo nuovo di essere uniti a Lui, Gesù usa l’immagine della vite e dei tralci e dice così: «Come il tralcio non può portare frutto da sé stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci». Con questa figura ci insegna come rimanere in Lui, essere uniti a Lui, benché Lui non sia fisicamente presente”.

Gesù è la vite, e attraverso di Lui – come la linfa nell’albero – passa ai tralci l’amore stesso di Dio, lo Spirito Santo. Ecco: noi siamo i tralci, e attraverso questa parabola Gesù vuole farci capire l’importanza di rimanere uniti a Lui. I tralci non sono autosufficienti, ma dipendono totalmente dalla vite, in cui si trova la sorgente della loro vita”.

Ciascuno di noi è un tralcio dell’unica vite; e tutti insieme siamo chiamati a portare i frutti di questa comune appartenenza a Cristo e alla Chiesa. Affidiamoci all’intercessione della Vergine Maria, affinché possiamo essere tralci vivi nella Chiesa e testimoniare in modo coerente la nostra fede – coerenza proprio di vita e di pensiero, di vita e di fede -, consapevoli che tutti, a seconda delle nostre vocazioni particolari, partecipiamo all’unica missione salvifica di Cristo”.

E prima di ritirarsi, dopo i consueti saluti ai fedeli riuniti in piazza, ha augurato a tutti una buona domenica. “E per favore, non dimenticatevi di pregare per me. Buon pranzo e arrivederci”, ha detto sorridendo Bergoglio.

Nel pomeriggio di oggi è prevista la visita pastorale alla parrocchia romana di «Santa Maria Regina Pacis» a Ostia.

A.S.

TAG

, , , ,

VEDI ANCHE