Dobbiamo tutti impegnarci per costruire la pace

8 Gennaio 2020 In Edicola

tweet

Cari lettori, prima di ogni altra cosa, spero che abbiate trascorso delle Festività serene e soprattutto mi auguro che l’anno appena cominciato porti a tutti voi e alle vostre famiglie tranquillità e felicità. Una parola, quest’ultima, che papa Francesco ha spesso detto che non dobbiamo temere di pronunciare. E proprio Francesco, in questi primi giorni del 2020, rivolgendosi ai fedeli durante gli Angelus, ha sottolineato l’importanza di concentrare le forze per migliorare il mondo in cui viviamo. Il suo riferimento, come avrete capito dalla nostra copertina, è ai focolai di guerra che si sono riaccesi, sempre più violenti proprio in questi giorni, in zone del mondo come il Medio Oriente, che sembrano davvero non avere tregua. «La guerra porta solo morte e distruzione» ha detto il Pontefice, invitando «alla riconciliazione e alla fratellanza tutti i credenti e tutte le persone di buona volontà». Noi pensiamo che non ci siano parole più chiare di quelle usate da Francesco per esprimere questa esigenza che il mondo non può più rimandare. E anche se i telegiornali ci “sommergono” quotidianamente di immagini di guerra, non dobbiamo abituarci a tutto questo, non dobbiamo arrivare a considerarlo “normale”. Ancora un buon 2020 da parte mia e di tutta la redazione.

di Aldo Vitali

Il direttore de Il Mio Papa Aldo Vitali

TAG

, , ,