Corso, la pasticceria preferita di Bergoglio

tweet
Avenida de Julio,  Buenos Aires, la strada più larga del mondo, circa 100 metri (credits: Getty Images)

Avenida de Julio,
Buenos Aires, la strada più larga del mondo, circa 100 metri (credits: Getty Images)

Questa strada è piena di bonbonerie, ma noi siamo diversi. Tutti i bonboncitos che vendiamo sono di nostra produzione, dal primo all’ultimo. Questo posto lo ha aperto mio marito nel 1937 e da allora la formula non è mai cambiata. Io vi ho lavorato come impiegata per 10 anni, prima di sposarmi e dopo 49 anni di matrimonio, anche oggi che mio marito non c’è più, sono qui a preparare bonbon». La signora Norma Marrone, splendida settantasettenne di origini italiane e spagnole, parla della bonboneria «Corso» come si potrebbe parlare di un figlio. Anche perché su tre cose, in fatto di cibo, a Buenos Aires non si scherza: la celeberrima parrilla (la carne alla brace più buona del mondo), il vino (tutti dovrebbero bere, almeno una volta nella vita, un Malbec di Mendoza) e i bonbon rellenos de dulce di leche, ovvero i cioccolatini ripieni di dolce di latte, una crema dolce a base di latte e zucchero.

A due passi da Broadway…
È a questi ultimi che il mastro pasticciere di origini svizzere e alsaziane de Hayberger, il marito di Norma, ha dedicato questa specie di tempio che sorge in Calle Maipù 443, una traversa dell’Avenida Corrientes, che per via dei suoi teatri viene chiamata la Broadway di Buenos Aires, e a poche centinaia di metri dalla casa del grande scrittore Jorge Luis Borges (al numero 994). Non sappiamo se Borges amasse i bonbon di Corso, ma è certo che il cardinale di Buenos Aires Jorge Bergoglio ne fosse un grande estimatore; passione pare che ha mantenuto anche una volta salito al soglio pontificio. «Non è una leggenda, è proprio così», ci conferma la signora Norma con un misto di orgoglio e timidezza. «Avevo tanti clienti che venivano da me e compravano i cioccolatini per il cardinale. In particolare avevo una cliente molto vicina a lui per motivi legati alla Chiesa che mi parlava sempre di quanto lui adorasse quelli ripieni di dulce di leche. Altre volte era egli stesso che mandava qualcuno a comprarli. Sa, l’arcivescovato non è lontano da qui».

Quel giorno in metropolitana…
Da cioccolataia esperta e donna devota alla Chiesa a Norma avrebbe fatto piacere incontrare di persona il suo cliente più importante e un giorno l’occasione si è presentata per puro caso: «Sa dove l’ho incontrato? Sul subte (la metropolitana), perché lui era fatto così, non approfittava mai della sua posizione di uomo importante e prendeva i mezzi pubblici. Io gli ero seduta proprio di fronte e l’ho riconosciuto subito, perché padre Bergoglio era molto noto qui a Buenos Aires. Ero emozionata, non riuscivo a parlare, mi sono avvicinata e gli ho detto: Padre Bergoglio? Iosono quella che fa i bonboncitos che le piacciono tanto!”. Lui mi ha sorriso e abbiamo fatto una chiacchierata fino alla fermata e la cosa mi ha dato molta gioia perché si è rivelato una persona molto umile, disponibile.

Papa Francesco mi ha fatto un regalo”
Dopo la sua elezione a Pontefice mi capitava spesso che delle persone in partenza per Roma venissero in negozio e mi chiedessero quali erano i bonbon che piacevano al Papa, allora ne ho approfittato e un giorno ho dato a un signore dei bonbon a forma di sigaro e ho chiesto se poteva consegnarli al Papa da parte mia. Ma lo sa che il Santo Padre mi ha mandato una lettera di ringraziamento? Mi ha anche regalato una foto, un bel rosario e una medaglietta di santa Teresita. Quell’uomo è divino!». Mentre ci racconta queste cose Norma si commuove e il suo volto si riempie di lacrime. «Credo che a Roma gli manchi molto questo contatto diretto con la sua gente, con il suo popolo. E io prego sempre per lui, ogni giorno. Lavoro dalle 8 del mattino alle 8 di sera qui in laboratorio, ma durante il viaggio in subte alla mattina prego prima per la mia famiglia e poi per il Papa. E me lo immagino lì, seduto di fronte a me, che mangia uno dei miei bonbon ripieni de dulce di leche».

di Andrea Di Quarto

TAG

, , , , ,