Alessandra Amoroso: «ho cantato davanti al Papa. Poi sono scoppiata a piangere»

tweet
21-06-2015|723OTT|_alta

Alessandra Amoroso, 29 anni, si è esibita per Francesco nella recente visita a Torino. Ecco l’emozionante momento dell’incontro. Credits: Osservatore romano

La storia che vi stiamo per raccontare è una di quelle così sorprendenti da cambiarti la vita, ma partiamo dall’inizio. Alessandra Amoroso, cantante nata nel talent show «Amici», è da tempo testimonial del «Progetto Bambini» dell’Unitalsi, finalizzato all’accoglienza di piccoli malati che devono essere ospedalizzati in città diverse da quella di residenza. Da sempre impegnata nella beneficenza, la Amoroso ha preso parte alle celebrazioni del 21 giugno per l’arrivo di Papa Francesco a Torino.

L’occasione era importantissima: un grande raduno giovanile è stato organizzato in Piazza Vittorio a pochi giorni dalla chiusura dell’Ostensione della Sacra Sindone nel Duomo.

Alessandra ha cantato con il Grande Coro dell’associazione Hope l’inno ufficiale dell’evento: «L’amore più grande». «È stato bello perché in quel momento non ero un’ospite o un personaggio famoso, ma parte integrante del coro, uno di quei 250 giovani uniti in un grande momento di preghiera» racconta.

Nel momento più importante dell’evento, la Amoroso ha avuto moto di incontrare il Papa, ma non era previsto. «Non ero pronta, non ero preparata, non sapevo cosa fare» spiega. «Poi mi sono avvicinata e mi ha detto ‘‘Che bella voce che hai!’. Non potevo essere più emozionata e mi sono sciolta in lacrime. In quel momento, ai suoi occhi, ero semplicemente Alessandra. Mi ha anche chiesto anche se studiavo all’Università, ma all’inizio non avevo capito, ero troppo commossa».

Papa Francesco ha apprezzato il grande talento dell’artista, anche se si è limitato a dirle un “grazie”.

Il rapporto di Alessandra con la fede è comunque molto forte. Nel 2013 è andata in pellegrinaggio a Medjugorie, dove ha vissuto una grande esperienza di fede e di preghiera di cui ha portato testimonianza anche ai suoi fan (nelle sue apparizioni in pubblico e a chi la segue su Internet ).

Poi, nelle settimane successive all’incontro con il Papa è saltata agli onori delle cronache per un’operazione alle corde vocali: «Mi sono vista costretta a operare due noduli alla gola; dovevo restare in Messico per i miei nuovi progetti in America Latina per due settimane e invece non ce l’ho fatta. È una naturale conseguenza degli strattoni che la voce ha quando si canta molto».E aggiunge:  «Sono sempre dell’idea che cantare è come pregare due volte e a me piace tanto cantare».

«Come un calciatore che si fa male a una gamba dopo un campionato, così mi sono ritrovata questo problema da risolvere dopo anni di concerti e album».

L’operazione è avvenuta nei giorni scorsi nella sua terra, la Puglia,  e sembra sia andata molto bene.

Ora la riabilitazione: «Mi aspetta un periodo di silenzio e un altro dal foniatra per la riabilitazione. Dovrò rimandare alcuni progetti ma non importa perché come dice una mia canzone… “Starò meglio”».

di Alessandro Alicandri

TAG

, , ,

VEDI ANCHE