Un viaggio a Fatima (e non solo)

12 maggio 2017 News

tweet

20 Andare a FatimaPapa Francesco sarà a Fatima venerdì 12 e sabato 13 maggio  per quello che è uno dei principali  appuntamenti religiosi del 2017 in cui è prevista la partecipazione di circa un milione di fedeli. Ma una visita al Santuario è consigliata anche in altri momenti. Noi vi consigliamo di partire a  giugno: c’è il tempo per organizzarsi e il caldo non sarà insopportabile.

Da Milano e da Roma ci sono voli diretti per Lisbona (il viaggio dura circa 3 ore) con la compagnia di bandiera portoghese (Tap) e con l’Alitalia. Ma ci sono anche quelle a basso costo, come Ryanair e EasyJet, con prezzi che partono da circa 250 euro. Dall’aeroporto di Lisbona ogni mezzora partono le navette della  Aerobus (www.aerobus.pt) che per 4 euro vi portano in una delle stazioni ferroviarie o dei pullman.

Per raggiungere Fatima (128 km) sconsigliamo i treni: l’area intorno al santuario non è ben servita. Molto più pratici sono i pullman della “Rede Expressos”  (www.rede-expressos.pt) che hanno linee  per tutte le maggiori località del Portogallo, Fatima compresa. La fermata è alle spalle della chiesa della SS Trinità, nell’area del Santuario.

Il biglietto costa poco meno di 12 euro. Fatima pullula di pensioni e alberghetti, ma se preferite potete orientarvi altrove: i bus raggiungono anche altre località che meritano una visita. Ecco quali.

ALCOBACA. Alcobaça è una città di circa 55.400 abitanti che merita una visita principalmente per il monastero fondato nel 1153 (foto), una delle prime costruzioni portoghesi legate all’ordine dei monaci Circestensi. Si tratta di un edificio maestoso (è protetto dall’Unesco) con un chiostro (detto “del silenzio”) fra i più grandi d’Europa. L’interno della chiesa, poi,  contiene superbe sculture. Tra le curiosità, la cucina nella quale passa un canale artificiale: i monaci ricevevano pesce e acqua dal vicino fiume Alcoa.

BATALHA. Batalha, 15.000 abitanti, è un paesotto che deve il suo nome (in portoghese vuol dire “battaglia”) al combattimento che si svolse nel 1385. Vinse Giovanni I, decimo re del Portogallo contro Giovanni di Castiglia. In  segno di ringraziamento alla Madonna il re decise di erigere un monastero nel 1386 (foto). Già sede di un gruppo di monaci domenicani, è quasi interamente realizzato con una pietra bianca locale. Dimensioni, ricchezza dello stile e il fatto di essere rimasto incompiuto donano a questo edificio una carica di fascino unica.

COIMBRA. Città fascinosa  e ricca di storia, quasi interamente costruita su una collina ai piedi della quale scorre il fiume Mondego, Coimbra deve parte della sua fama all’ateneo fondato fra i primi in Europa nel 1290. Oggi è il maggior centro universitario del Portogallo. Da non perdere una visita alla Biblioteca Joanina  (foto) costruita nel 18° secolo sotto re Giovanni V (da cui il nome). Suddivisa in tre grandi saloni finemente decorati, la biblioteca contiene 250.000 volumi. Monumento nazionale, è un luogo di grande atmosfera.

TOMAR. Strette stradine caratterizzano il centro storico della tranquilla cittadina di Tomar (43.000 abitanti) che deve però la sua fama al meraviglioso convento dell’Ordine di Cristo (foto). Assolutamente consigliata la visita per la sua “trasformazione” da castello eretto intorno al 1160 a struttura religiosa. Appartenne ai cavalieri templari (uno fra i primi e più noti ordini cavallereschi cristiani medievali) che ci hanno lasciato la caratteristica chiesa ottagonale che ricorda la cappella del Santo Sepolcro a Gerusalemme.

UNA SOLUZIONE TUTTO COMPRESO

Se preferite una soluzione “tutto compreso”, l’Opera Romana Pellegrinaggi offre un interessante pacchetto per Fatima. Si articola su 4 giorni e include viaggio aereo (andata e ritorno) da Milano, Roma o Venezia per Lisbona. Comprende una visita nel capoluogo, a Fatima, Alcobaça, Batalha e Nazarè, trasferimenti in pullman, pensione completa, assicurazione e rimborso delle spese mediche. Prezzi da 695 euro. Per altre informazioni consultate il sito Internet www.operaromanapellegrinaggi.org/it.

di Antonio de Felice

TAG

, , , ,