Suor Cristina, ecco la vincitrice di “The Voice” 2014

6 giugno 2014 Foto e video story

tweet
Suor Cristina Scuccia ha vinto l’edizione 2014 di “The Voice” (credits: Getty Images)

Suor Cristina Scuccia ha vinto l’edizione 2014 di “The Voice” (credits: Getty Images)

Prima ha preso mezza pagina dell’edizione internazionale del New York Times, poi oltre 50 milioni di visualizzazioni su YouTube, un duetto con la cantante Kylie Minogue ed è stata persino protagonista, involontaria, di una parodia messa in scena dal talk show americano condotto da Ellen DeGeneres. Suor Cristina Scuccia, fin dalla sua prima comparsa in televisione, era già diventata un personaggio di livello mondiale e con la vittoria dell’edizione 2014 di “The Voice” ha raggiunto il primo successo, meritato e incontestabile. La suora, infatti, ha raccolto il 62% dei voti nella finalissima battendo gli altri tre concorrenti.

La preghiera dopo la vittoria
Dopo l’esibizione ha voluto ringraziare tutti recitando il Padre Nostro insieme alle sue consorelle presenti fra il  pubblico, nonostante le ironie e le resistenze che ha incontrato nello studio. Nulla si sa ancora del contratto con una casa discografica, mentre tutto si conosce sulla vita della giovane suora.

Nata a Comiso (in provincia di Agrigento, dove per assistere alla finale di “The Voice” hanno allestito un maxischermo) ha avuto un momento di allontanamento dalla Chiesa dopo la Cresima perché voleva frequentare le lezioni di canto dell’Accademia dello spettacolo di Catania e cantare con la sua band nelle piazze e ai matrimoni

I voti perpetui tra un mese
Poi è arrivata la vocazione religiosa e Cristina ha preso i voti, anche se quelli perpetui li riceverà solo il 29 luglio prossimo ad Assisi. Ha fatto i provini per la trasmissione “Amici” di Maria De Filippi e le audizioni per “X Factor”, ma è stata, in entrambi i casi, scartata. Poi però ha tenuto diversi concerti, per esempio quello durante la manifestazione dei pellegrini al Campidoglio e si è classificata al primo posto al “Good News Festival”, un concorso per la musica cristiana.

Il futuro, invece, è ancora tutto da scrivere. «Ho dei superiori, e non voglio ipotecare nulla. Nel caso, non dovrò avere contatti diretti con le case discografiche», spiegava a Tv Sorrisi e Canzoni suor Cristina prima della vittoria. «E se i miei superiori decideranno che dovrò fare un passo indietro, sarò ben felice di farlo: non c’è alcun problema. Sono solo un’umile serva di quest’abito.  Qualunque cosa mi venga richiesto di fare. Per fare la cantante di professione o un disco sicuramente non rinuncerei all’amore più grande della mia vita, a questa chiamata. Concorderei ogni cosa con le mie consorelle e con i miei superiori»

di Franco Oppedisano

TAG

, , ,