Sulla Via di Damasco (Raidue) celebra la Comunità di Sant’Egidio

19 aprile 2018 News

tweet

 

Credit Osservatore Romano

Credit Osservatore Romano

Lo scorso 11 marzo, papa Francesco era stato nella basilica di Santa Maria in Trastevere per il 50° anniversario della fondazione della Comunità di Sant’Egidio. E proprio per celebrare il mezzo secolo di attività, Sulla Via di Damasco dedicherà l’intera puntata di Sabato 21 Aprile, ore 7.45, su Rai Due, a quel popolo nato dal Vangelo che vive la missione di costruire una società fondata sulla “pietra scartata”. Dalla piazza romana che ha dato il nome alla Comunità, monsignor D’Ercole insieme ad Andrea Riccardi che è il fondatore della Comunità racconteranno il carisma e l’opera di un movimento che si è lasciato provocare dal mondo degli “ultimi”, tratteggiandone un quadro della storia e delle sfide che lo attendono. All’inizio del programma, la presentazione del Centro Genti di Pace, una scuola di lingua che è un vero e proprio laboratorio di vita dove si incontrano persone da nazioni diverse riconoscendosi, prima di tutto, amiche. Subito dopo, la storia di una famiglia siriana che è scampata alla morte grazie ai “corridoi umanitari”, quel progetto che vede in prima fila Sant’Egidio e che garantisce ai più vulnerabili, la possibilità di arrivare in Europa attraverso strade sicure, senza rischiare di morire in mare e al riparo dai trafficanti. E ancora: il progetto “Città Ecosolidale”, una risposta alle necessità primarie di molte persone in difficoltà dove oggetti di ogni tipo trovano un nuovo valore nella solidarietà. Per finire, una visita alla Basilica di San Bartolomeo a Roma, luogo di incontro e di preghiera per tanti della Comunità, ma anche simbolo del dialogo, dell’incontro e del sostegno contro ogni forma di emarginazione, come fu durante l’occupazione nazista.   

TAG

, , ,

VEDI ANCHE