Il Papa incontra (a sorpresa) le Piccole Suore di Gesù

8 maggio 2015 Foto e video story

tweet
(credits: Agf)

(credits: Agf)

Sono le 15.20 di domenica. Alla parrocchia Santa Maria Regina Pacis di Ostia si attende l’arrivo del Papa. Improvvisamente Francesco Sforza, fotografo dell’Osservatore Romano, e Fabrizio Stinellis, cameraman del Centro Televisivo Vaticano, saltano su un’auto e se ne vanno.

È un segnale inequivocabile: la visita ha avuto un prologo inatteso, il Papa si è fermato lungo la strada… Sì: Francesco è al ParcoLido, il luna park di Ostia dove da anni vivono in missione due suore delle Piccole sorelle  di Gesù di Charles de Foucauld, suor Geneviève e suor Anna.

Come Il mio Papa vi ha già raccontato, suor Geneviève era entrata in contatto con monsignor Bergoglio ai tempi di Buenos Aires; durante una visita a Casa Santa Marta nel 2013, poi, gli aveva raccontato l’apostolato nel quale è impegnata al fianco dei giostrai e l’aveva invitato al ParcoLido, ricevendo come risposta un convinto «Magari!».

Saputo della visita a Ostia, suor Geneviève ha scritto a Francesco: «Gli ho chiesto di fermarsi, rispetto alla parrocchia gli sarebbe bastato attraversare la strada…».

Poi è iniziata l’attesa: nessuna promessa, ma tantissima fiducia. Domenica, attorno alle 14.30, è arrivata la telefonata di conferma: Francesco si sarebbe fermato al ParcoLido. Non nel luna park colorato e accogliente, però: nel villaggio dei giostrai, dove le suore vivono in due roulotte avute in prestito.

Il Papa, ha detto chi c’era, è rimasto «colpito, sconvolto»dalla semplicità delle due religiose e dalla vita che conducono. Ha voluto salutare tutti i bambini, uno per uno, e poi ha pregato nella piccola cappella nella roulotte di suor Geneviève. E dopo un quarto d’ora è ripartito.

 

TAG

, , , ,

VEDI ANCHE