Onlus “Giorgio Castelli”, un gesto fatto col cuore

31 dicembre 2016 Fare del Bene

tweet

1385698_10200739784519313_337939109_nSensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della prevenzione delle malattie cardiovascolari, dando vita a progetti di ricerca e affiancando l’opera dei cardiologi nella quotidiana lotta contro quella che è la prima causa di morte in Occidente. Ecco i principi che guidano da oltre dieci anni la fondazione Giorgio Castelli onlus, nata per ricordare Giorgio, giovane calciatore dilettante che nel 2006 ha perso la vita a causa di un arresto cardiaco mentre si allenava.

Se nei pressi ci fosse stato un defibrillatore, oggi Giorgio sarebbe vivo. Il dolore per quella scomparsa, a soli 16 anni, ha spinto i suoi familiari, con il papà Vincenzo in testa, a creare questa associazione benefica, il cui impegno è rendere consapevoli le persone di quanto la prontezza e la rapidità in certe circostanze siano fondamentali per salvare la vita. Nella speranza che tragedie come quella di Giorgio non si ripetano più.

Ecco perché i volontari della onlus insegnano gratuitamente ad allenatori ed operatori sportivi le tecniche di rianimazione, mostrando come si usa un defibrillatore. «Purtroppo – spiega il presidente dell’associazione, Vincenzo Castelli – nell’ultimo anno in Italia sono morte oltre 80 persone mentre praticavano attività sportiva, circa 500 dal novembre 2013». Questi numeri sono la prova che c’è ancora molto da fare ma, attraverso il lavoro instancabile dei suoi volontari, la onlus dedicata a Giorgio ha permesso nel suo piccolo di cambiare le cose. E in questi dieci anni è diventata un punto di riferimento a livello nazionale.

«Abbiamo insegnato a quasi 11 mila persone le tecniche di primo soccorso – prosegue Castelli – e donato più di 350 defibrillatori a società sportive, scuole e parrocchie sia a Roma che nel Lazio». Per tutta la durata del Giubileo, inoltre, la fondazione ha contribuito alla protezione dei pellegrini arrivati nella Capitale, distribuendo alle cinque più importanti basiliche romane un defibrillatore e addestrando alla rianimazione cardio-respiratoria oltre 80 volontari dell’ordine di Malta presenti nei punti di primo soccorso. Per questo motivo, il 28 novembre scorso, in occasione della chiusura dell’Anno santo, la fondazione è stata ricevuta in Vaticano da papa Francesco, che ha ringraziato di persona lo staff per l’enorme impegno profuso nel corso del Giubileo.

Fondazione Giorgio Castelli ONLUS

Via Francesco Paciotti 21

00176 Roma

tel. 06-24402037
fax. 06-24402037

E-mail: info@gc6.org

Iban:  IT 77J 05428 03215 000000000984

di Francesco Morrone

TAG

, ,

VEDI ANCHE