Le reliquie di Maria e Giuseppe da Nazaret a Loreto

1 novembre 2014 Foto e video story

tweet
La struttura in marmo che contiene la Santa Casa di Loreto è un  grande reliquiario, disegnato dal Bramante nel 1509 (credits: Getty Images)

La struttura in marmo che contiene la Santa Casa di Loreto è un grande reliquiario, disegnato dal Bramante nel 1509 (credits: Getty Images)

Dopo le reliquie di Gesù, le reliquie più importanti per i fedeli sono quelle di Maria e Giuseppe. Si tratta, in senso lato, di “resti” (è questo il significato della parola “reliquia”), termine che anche nel caso della Vergine e del suo sposo include oggetti che sono loro appartenuti o con i quali hanno avuto a che fare quando erano ancora in vita. La reliquia più celebre di Maria è al Santuario della Santa Casa a Loreto, cittadina marchigiana in provincia di Ancona. Qui è custodita appunto la Casa di Nazaret, in cui la Vergine nacque ed ebbe l’annuncio dell’imminente maternità dall’arcangelo Gabriele.

Una casa divisa tra Nazaret e Loreto
Come questa parte della Casa (l’altra parte, la grotta scavata nella roccia, è venerata nella basilica dell’Annunciazione a Nazaret, in Israele) sia finita a Loreto non è ancora chiaro. Fino a qualche tempo fa si parlava di un trasporto “per ministero angelico”, ipotizzando che la camera fosse stata portata nelle Marche da un volo di angeli nella notte tra il 9 e il 10 dicembre 1924. Oggi alcuni documenti indicano che potrebbe essere arrivata per nave nel 1294, in occasione del matrimonio tra Filippo d’Angiò, principe di Taranto, e Tamara, figlia di Niceforo I, sovrano dell’Epiro (una regione della Grecia).Infine, c’è chi sostiene che sia stata portata da crociati di ritorno dalla Terra Santa.

Una goccia di latte cristallizzato
Del corpo di Maria sarebbero rimasti, e conservati come reliquie, alcuni capelli e il latte materno. Nella concattedrale di San Nicola a Palmi (Reggio Calabria), per esempio, è custodito il reliquario con il Sacro Capello, donato alla cittadina calabrese dalla città di Messina (che ne conservava tre dal 42 a.C.) come ringraziamento per l’aiuto prestato durante una terribile epidemia di peste nel 1582. Per Sacro Latte, invece, si intende la reliquia conservata nella Collegiata di San Lorenzo a Montevarchi (Arezzo): tradizione vuole che si tratti di una goccia di latte cristallizzato caduta dalle labbra di Gesù, allattato da Maria durante la fuga in Egitto.

Reliquie anche in Francia e in Germania
Tra gli oggetti appartenuti a Maria si venerano la Sacra Cintola (la cintura) nel duomo di Prato (è una sottile striscia di lana di capra, esposta cinque volte all’anno) e l’anello di fidanzamento custodito con quello di Giuseppe nella cattedrale parigina di Notre-Dame. Nella cattedrale di San Lorenzo a Perugia, invece, due volte all’anno (il 29-30 luglio e il 12 settembre) si può venerare il Sacro Anello di calcedonio con cui, secondo la tradizione, Maria prese come sposo Giuseppe. Nella chiesa di Santa Maria in Regola di Imola (Bo) si trova il Velo della Vergine, un prezioso drappo di lino.

Anche di Giuseppe esistono diverse reliquie. Oltre all’anello di Notre-Dame, c’è il suo bastone nel Sacro Eremo di Camaldoli (Arezzo); un pezzo del mantello, invece, è conservato nella chiesa romana di Sant’Anastasia (dove ci sono anche frammenti del Sacro Velo di Maria e della Santa Croce); frammenti della tomba di Giuseppe sono nella chiesa romana di Santa Maria in Portico in Campitelli. Ancora in Francia, nella chiesa della Nativité-de-Notre-Dame a Joinville, si trova la sua cintura, portata dal crociato Jean de Joinville a metà del XIII secolo, mentre in Germania, ad Aquisgrana, sono conservati i calzettoni da cui Giuseppe ricavò le fasce per avvolgere Gesù Bambino.

Curiosità:dove e quando vedere le reliquie di Maria e Giuseppe
Santuario della Santa Casa Loreto (Ancona)
Orari: da ottobre a marzo, 6.45-12.30/14.30-19; da aprile a settembre, 6.15-12.30/14.30-19.45
San Nicola Palmi (Reggio Calabria)
La concattedrale è aperta negli orari consueti alle chiese; se il portone è chiuso, si può provare a contattare il numero tel. 0966 2674100
San Lorenzo Montevarchi (Arezzo)
Orari (Museo di arte sacra): sab. e dom., 10-12/16-18
Duomo di Santo Stefano, Prato
La Cintola è esposta a Pasqua e nelle date 1° maggio, 15 agosto, 8 settembre e 25 dicembre
Cattedrale di San Lorenzo, Perugia
L’Anello è esposto il 29-30 luglio e il 12 settembre
Santa Maria in Regola, Imola (Bologna)
Orari: 10-12/14-18 (chiusa al giovedì e alla domenica)
Eremo Camaldoli (Arezzo)
Per informazioni: www. monasterodicamaldoli.it
Santa Anastasia, Roma
Orari: 7-18.45
Santa Maria in Portico in Campitelli, Roma
Orari: 7-19

 

TAG

, , , , , ,

VEDI ANCHE