Il mio Papa, ecco il “grazie” di Papa Francesco

2 febbraio 2015 Foto e video story

tweet
(credits: Getty Images)

(credits: Getty Images)

In redazione è arrivata posta per noi. E con “noi” non intendiamo soltanto i redattori che tutte le settimane lavorano per realizzare Il mio Papa, ma intendiamo quella felice comunità fatta dai redattori e soprattutto da voi, i lettori, tantissimi, attenti e affezionati al giornale in un modo che non smette di darci soddisfazione. La lettera è arrivata dalla Città del Vaticano e il mittente era evidentissimo: sulla busta, infatti, campeggiava il timbro rosso della Elemosineria Apostolica.

Quel giorno a casa Santa Marta
Aperta la busta, le parole di monsignor Konrad Krajewski, l’Elemosiniere di Sua Santità ci hanno riportato in un attimo alla mente quella giornata davvero speciale che è stata martedì 16 dicembre: la giornata in cui papa Francesco ha voluto incontrare Il mio Papa a Casa Santa Marta, ricevendo il direttore Aldo Vitali per un colloquio durato più di un’ora, a cui parteciparono anche monsignor Guillermo Javier Karcher, cerimoniere del Papa, e il nostro collaboratore Adriano Alimonti.

In quella occasione, il direttore Vitali portò al Santo Padre alcuni doni “legati” al giornale: i quattro numeri che mancavano alla sua collezione personale (erano l’1, il 2, il 4 e il 7), una nuova collezione completa, il calendario e l’agenda a lui dedicati, e la raccolta delle sue omelie

In più, ancora a nome di tutta la community di Il mio Papa (community vuol dire “comunità” in inglese: nel linguaggio di internet vuol dire la comunità “virtuale” di tutte le persone interessate a un argomento), mettemmo a disposizione della Elemosineria Apostolica duecento panettoni e 120 bottiglie di vino della Valtidone, nel piacentino, affinché fossero distribuiti ai bisognosi secondo le disposizione del Santo Padre. Bene: tutto è arrivato a destinazione, come ci ha scritto monsignor Krajewski.

Papa Francesco ha molto gradito
L’Elemosiniere – che come sappiamo è uno dei collaboratori più vicini al Papa – ha poi aggiunto queste parole, indirizzandole al direttore: “Mentre La ringrazio di cuore a nome di Sua Santità Papa Francesco di tale dono, ho il piacere di comunicarLe che Egli ha molto gradito e apprezzato tale gesto di filiale adesione alle Sue sollecitudini pastorali per i poveri e gli emarginati e lo ricambia invocando copiose ricompense celesti ed impartendo di cuore una particolare Benedizione Apostolica”.

Cari lettori, questi ringraziamenti sono per voi: il vostro entusiasmo per Il mio Papa ci ha permesso di fare tutto questo. E insieme faremo tante altre belle cose. Grazie!

di Enrico Casarini

TAG

, , , , , , , ,

VEDI ANCHE