“Il mio Papa”, presto le edizioni internazionali

7 marzo 2015 Foto e video story

tweet
(Credits: Corbis Images)

(Credits: Corbis Images)

Duecentocinquanta milioni di fedeli cattolici divisi tra Europa e America centromeridionale: molto presto anche loro potranno leggere Il mio Papa, in edizioni pubblicate e distribuite in ben tredici Paesi. Sì, il nostro settimanale ha riscosso così tanta curiosità e così tanto apprezzamento anche a livello internazionale, che dalla fine di marzo sarà presente anche nelle edicole di Germania, Austria, LiechtensteinSvizzera di lingua tedesca, PoloniaBrasile, Repubblica DominicanaCosta Rica, Guatemala, El Salvador, Honduras, Nicaragua e Panama.

Ogni Paese manterrà lo stile grafico di Il mio Papa adattando in parte i contenuti e, naturalmente, la “testata”, cioè il nome del giornale. Il mio Papa, dunque, verrà tradotto nelle varie lingue: in tedesco diventerà Mein Papst; in polacco, Moj Papiez; in portoghese, O meu Papa; per i Paesi di lingua spagnola dell’America centromeridionale sarà Il mio Papa.

Per questa iniziativa, la casa editrice Mondadori ha stretto accordi con la Panini Publishing (una divisione del Gruppo Panini) e con il Grupo Cerca. Dopo solo un anno, dunque, siamo usciti dai confini d’Italia. Ma le novità non finiscono: presto Il mio Papa potrebbe raggiungere molti altri Paesi.

di Enrico Casarini

TAG

, , , , , , , , , , ,

VEDI ANCHE