Con il FAI alla scoperta di chiese, palazzi e castelli

5 ottobre 2017 News

tweet
Credit Archivio FAI

Credit Archivio FAI

Domenica 15 ottobre sarà la Giornata FAI d’Autunno, realizzata dai Gruppi Giovani della fondazione a sostegno della campagna di raccolta fondi “Ricordiamoci di salvare l’Italia”, attiva fino al 31 ottobre. Il Fondo Ambiente Italiano ha elaborato 170 itinerari tematici in altrettante città che prevedono l’apertura di palazzi, chiese, castelli, parchi, teatri, architetture industriali in trasformazione, ma anche interi quartieri e borghi. Tra questi luoghi, i 3500 volontari accompagneranno gli italiani alla scoperta di 600 siti di solito inaccessibili o poco valorizzati, legati da una tematica comune come la musica, l’acqua, le tradizioni artigiane locali, il panorama urbano dall’alto, che verranno raccontati da una prospettiva insolita.

Per accedere a ogni luogo aperto dal Fai verrà richiesto un contributo facoltativo, preferibilmente da 2 a 5 euro, a sostegno dell’attività della Fondazione. Ma per gli iscritti e per chi deciderà di iscriversi durante l’evento (con una quota agevolata di 29 euro anziché 39) saranno riservate aperture straordinarie, accessi prioritari, attività ed eventi speciali in molte delle città coinvolte. Ecco  alcuni degli edifici   straordinariamente aperti per l’occasione.

ECCO COSA E’ IL FONDO AMBIENTALE ITALIANO

Il Fai – Fondo Ambiente Italiano, è una fondazione nata nel 1975 grazie a un’idea di Elena Croce, figlia del grande filosofo Benedetto Croce, per tutelare, salvaguardare e valorizzare il patrimonio artistico e naturale italiano. Si occupa del restauro e dell’apertura al pubblico di beni storici, artistici o naturalistici ricevuti per donazioni o in comodato. In più di 40 anni di attività la fondazione ha salvato, gestito e valorizzato 57 beni monumentali e artistici, di cui 35 sono stati riaperti al pubblico, quasi 7 milioni di metri quadri di paesaggio, 32.000 libri antichi e  22.000 oggetti d’arte catalogati e protetti. Per tutte le informazioni sui luoghi da visitare nelle diverse città e sugli orari potete visitare il sito Internet: www.fondoambiente.it.

di Franco Oppedisano

TAG

, ,

VEDI ANCHE