Casa Nova, dove ha riposato il Papa a Gerusalemme

30 maggio 2014 Foto e video story

tweet

493777265

Cucina araba e italiana - Nel pomeriggio Francesco si è riposato in un appartamento della residenza francescana Casa Nova.Nella struttura ha anche pranzato con alcune famiglie palestinesi di fede cattolica che gli hanno parlato delle difficoltà che incontrano. ll cuoco che ha preparato il pranzo è arabo e si chiama Elias Aqroush. Sotto la supervisione del collega italiano Marco Bottega (quello della trasmissione tv La prova del cuoco) che ha coordinato i cuochi locali che hanno cucinato per il Papa, ha preparato antipasti arabi (pizzette con ragù di carne, olive, hummus), lasagne, vitella e insalata.

A pranzo con il Papa - Cesar Sbeit (13 anni) indossa una maglietta con la fotografia del Papa e la scritta «Giustizia per Iqrit». Iqrit è il villaggio dal quale sono stati scacciati. Al collo porta la kefiah palestinese. Sua sorella Nicole (15 anni) porta una busta con delle fotografie e un pacco di lettere e messaggi per il Papa. Sono molto emozionati mentre si apprestano a entrare dentro Casa Nova, la residenza francescana dove pranzeranno con papa Francesco assieme a papà George e mamma Shadia. È stata lei, appena ha saputo della visita del Pontefice, a scrivere al patriarcato di Gerusalemme per chiedere di incontrare Francesco e raccontare la storia delle famiglie di Iqrit.

Il villaggio cristiano di cui sono originari, infatti, fu evacuato dagli israeliani nel 1948 e nessuno ha potuto più farvi ritorno. È permesso loro solo di celebrare la messa la domenica, ma nella chiesa non c’è né riscaldamento né luce elettrica. «Il governoisraeliano non ci permette di allacciare la corrente né fare qualsiasi lavoro nella chiesa», racconta Shadia a Il mio Papa.

TAG

, , , , ,